13 febbraio 2020

Condividi:

La sfida europea con Trento è ancora della Cucine Lube: 3-1 e vetta nel girone di Champions League garantita

Inserisci un'immagine (800x500)

La Cucine Lube Civitanova fa suo anche il derby italiano in Europa di ritorno espugnando la BLM Arena di Trento in quattro set e guadagnano così il primo posto matematico nella Pool A di CEV Champions League 2020 con una giornata di anticipo (prossimo impegno il 19 febbraio all’Eurosuole Forum con il Fenerbahce, ultima giornata della fase a gironi).

E’ battaglia vera nei primi due set, Trento conquista il primo ai vantaggi mentre il secondo parziale segna il cambio di passo dei biancorossi che rimontano e vincono 29-31. Dal terzo set il gioco della Cucine Lube Civitanova sale in cattedra e non lascia spazio all’Itas: 13 ace e 10 muri spianano la strada ai biancorossi, con Rychlicki e Juanterena top scorer (24 e 22 punti).

La partita

Coach De Giorgi sceglie al centro Simon-Anzani, poi Bruno-Rychlicki, Juantorena-Kovar, Balaso libero. Leal è in panchina, insieme a Ghafour schierato come secondo libero. Lorenzetti schiera in banda Cebulj-Kovacevic (Russell è out), al centro Candellaro-Lisinac, e Giannelli-Vettori diagonale palleggiatore-opposto, Grebennikov libero.

Primo break di marca trentina con Kovacevic a trascinare i suoi in contrattacco (9-5), approfittando del buon turno di Vettori al servizio: arriva subito la risposta biancorossa con Rychlicki e Kovar (9-8), fino all’aggancio sul muro di Simon (12-12). L’opposto lussemburghese firma due ace consecutivi (12-14) ma Lisinac si scatena a muro (15-14): controsorpasso Cucine Lube con Simon (ace 16-17) e il fallo in palleggio di Kovacevic vale il 17-19. Cebulj riaggancia a muro (21-21), Simon si improvvisa opposto mettendo giù il 21-23 da posto due ma Trento rientra ancora fermando Kovar (23-23). Il primo set ball è della Cucine Lube (23-24), Cebulj dai nove metri mette due volte in difficoltà la ricezione biancorossa permettendo a Kovacevic (8 punti e 70% in attacco) di chiudere il set con il contrattacco del 26-24. Pesano i 5 muri vincenti di Trento.

Muro e battuta di Trento continuano a imperversare nel secondo set: Lisinac dai nove metri (7-3 con due ace consecutivi) e Kovacevic prima a muro poi in contrattacco lanciano l’Itas sul 10-4. Appena lo schiacciatore serbo rallenta un po’ il suo ritmo, la Cucine Lube ne approfitta tornando a -3 (15-12) su un errore e un muro subito proprio da Kovacevic: è il via alla reazione biancorossa, Simon mura due volte (17-16 e 18-18) portando i suoi in parità. Cebulj sbaglia (18-19), si va punto a punto come nel primo set, Lisinac firma un altro ace (22-21), stavolta è Trento ad arrivare prima al set ball (24-23) ma Simon non ci sta murando a uno Candellaro (24-25). Giallo su un tocco di Giannelli in difesa prima rilevato dall’arbitro ma poi viene cambiata la decisione (27-26), l’ace di Simon regala un nuovo set ball ai cucinieri (27-28) e il parziale si chiude su un errore di Kovacevic che non trova le mani del muro (29-31). Per i cucinieri attacco al 61%.

La Cucine Lube Civitanova è galvanizzata dalla rimonta del terzo set con un Simon devastante in battuta (2-6, due ace per il cubano), Trento prova a rientrare (5-6) ma il muro cuciniero si fa sentire con Juantorena e Rychlicki (5-9). Kovacevic sbaglia e i biancorossi vanno a +5 (7-12), Cebulj contrattacca (10-13), Juantorena spinge ancora in battuta (13-18) e un super-muro di Rychlicki ferma Kovacevic (14-20). Il lussemburghese (9 punti personali) imperversa anche al servizio (+7 Cucine Lube e 5 ace nel set per i cucinieri) e lancia i biancorossi verso il 17-25 finale.

Cucine Lube protagonista anche nel quarto set: Juantorena e Rychlicki martellano al servizio e in contrattacco (3-6), Anzani firma il +4 in primo tempo (3-7) e il lussemburghese ancora dai nove metri trova l’ace del 5-10. I cucinieri ora giocano con grande intensità anche in difesa, ancora Rychlicki mette giù il 7-13: i campioni d’Europa non trovano ostacoli e sull’errore di Kovacevic (12-20) sembra già finita. C’è spazio per un colpo di coda di Trento proprio con il martello serbo sugli scudi (19-23 e 22-24, ace Lisinac), poi l’errore dell’Itas consegna la gara alla Cucine Lube.

Il tabellino

ITAS TRENTINO: Candellaro 4, Giannelli 1, Cebulj 15, Lisinac 14, Vettori 15, Kovacevic 19; Grebennikov (L), Michieletto, Djuric, Codarin 1, Sosa Sierra. N.e. Russell, Daldello, De Angelis (L). All. Lorenzetti.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani 10, Rychlicki 24, Kovar 9, Simon 18, Bruno, Juantorena 22; Balaso (L), Massari, Bieniek, Diamantini. N.e. D’Hulst, Marchisio, Leal, Ghafour (L). All. De Giorgi.

ARBITRI: Mokry (Slk), Maakshanov (Rus).

PARZIALI: 26-24, 29-31, 17-25, 22-25

NOTE Spettatori 3073. Durata set: 30’, 34’, 25’, 29’; tot. 118’. Trento: battute sbagliate 12, vincenti 6, muri 9, errori 22. Civitanova: b.s. 18, v. 13, m. 10, e. 25.


Palmares

Main sponsor

Official Bank

Exclusive Innovation Partner

Sponsor Mondiale per Club

Sponsor di maglia

SPONSOR UFFICIALE DI NUTRIZIONE SPORTIVA

Fornitori Ufficiali

Sponsor tecnici

Partners

Sponsor di Lega

È necessario aggiornare il browser

Il tuo browser non è supportato, esegui l'aggiornamento.
Di seguito i link ai browser supportati

Se persistono delle difficoltà, contatta l'Amministratore di questo sito.
digital agency greenbubble